Diario

A voler vincere a tutti i costi

di 16 Settembre 2020Settembre 21st, 2020No Comments
Immagine tratta da doppiozero, articolo cit.

«Si dice che poco prima che il Titanic si scontrasse con l’iceberg ci sia stata un’interessante conversazione sul ponte di prima classe, riportata poi anche ai ponti inferiori e fin giù nella sala macchine. Il capitano, si diceva, non crede all’esistenza degli iceberg. La notizia aveva generato un’ondata di entusiasmo. Finalmente, dicevano su in prima classe, un capitano che dice le cose come stanno, che è dalla nostra parte, e che sa benissimo che gli iceberg sono un’invenzione».

Come dire: sei tu l’artefice del tuo successo e se ti arriva addosso un imprevisto nella vita, questo va rimosso, superato, archiviato. Altrimenti sei tu l’incompetente: letteralmente, quello che non sa competere. Ma abbiamo un servizio pronto per te! Un assistente personale, volendo anche virtuale, che ti farà oltrepassare l’ostacolo.

Perciò mi chiedo se la professione che ho intrapreso, che desidero proporre, è percepita sotto la lente di quei servizi che producono successo. Perché invece, ritengo la sofferenza – e la morte come la sua estrema sintesi – l’esercizio di un limite necessario e ineludibile, in cui non c’è nulla da vincere ma soltanto un senso da comprendere, da costruire.
Questo articolo, da cui ho tratto il racconto iniziale del Titanic, conclude sostenendo che «l’esperienza umana nasce dall’elaborazione dell’evento della morte» e che «senza pianto rituale, non c’è civiltà».

La vita, insomma, è l’esercizio della vita stessa. L’unico punto di arrivo, chiaro e distinto, sappiamo quale sarà. E rispetto ad esso,, piuttosto che l’illusione di vincere, io credo sia utile coltivare il gusto dell’equilibrio e delle proporzioni. Perché volendo credere di vincere a ogni costo si finisce per cadere da un gradino più alto di quello che il buon senso a volte suggerisce.

https://www.doppiozero.com/materiali/il-capitano-del-titanic

Pubblicato su Facebook, 16/09/2020

Stefano Francoli

Autore Stefano Francoli

Altri articoli di Stefano Francoli

Commenta